Assistenza domiciliare, ecco l’assegno di sostegno del Comune di Roma

Assistenza domiciliare, ecco l’assegno di sostegno del Comune di Roma

Condividi su:

Un sostegno economico in favore delle persone con disabilità gravissime che necessitano di assistenza sanitaria a domicilio H24. È quanto annuncia il sindaco di Roma, Virginia Raggi, attraverso un post sul social network Facebook. Si tratta di un progetto sperimentale, della durata di dodici mesi, che intende dare una mano alle persone più bisognose grazie all’erogazione di un contributo pari a 700 o 800 euro, che servirà per sostenere le spese domiciliari in ambito medico.

Assistenza domiciliare a Roma, chi ha diritto al contributo del Comune?

Le persone che ne avranno diritto sono coloro che necessitano di assistenza continuativa di familiri o di un professionista privato. La misura, nata grazie alla sinergia tra l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre e dal Disability Manager Andrea Venuto, “è già disponibile, sulla base delle domande presentate presso i Municipi, una graduatoria unica cittadina” annuncia sul suo profilo Facebook il sindaco Raggi.

LEGGI ANCHE: Radiografie a domicilio a soli 120 euro, scegli la nostra Offerta!

“L’obiettivo generale è evitare l’inserimento in un istituto delle persone con disabilità gravissima, promuovendone la permanenza in famiglia – ricorda la sindaca -. La misura è stata pensata come aggiuntiva ad esempio rispetto al Saish, che rappresenta l’assistenza domiciliare finanziata da Roma Capitale. Lo stesso avverrà per chi frequenta un Centro diurno. Le verifiche da parte del Dipartimento Politiche sociali e dei Municipi sono in corso. Obiettivo è rispettare un principio di equità: erogare il servizio a chi non dispone di alcun sostegno oppure usufruisce di una sola di queste misure”, conclude.

L’annuncio del sindaco Raggi su Facebook

Ecco l’intervento integrale del primo cittadino Virginia Raggi su Facebook: “Abbiamo introdotto una misura sperimentale, della durata di dodici mesi, che prevede l’erogazione di un sostegno in favore delle persone con disabilità gravissime, cioè coloro che necessitano di assistenza continuativa 24 ore su 24. La misura garantisce un contributo mensile pari a 700 o 800 euro, a seconda sia un familiare a prendersi cura della persona oppure un professionista. Grazie al lavoro effettuato in sinergia dall’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre e dal delegato all’accessibilità universale Andrea Venuto è già disponibile, sulla base delle domande presentate presso i Municipi, una graduatoria unica cittadina. L’obiettivo generale è evitare l’inserimento in un istituto delle persone con disabilità gravissima, promuovendone la permanenza in famiglia. La misura è stata pensata come aggiuntiva ad esempio rispetto al Saish, che rappresenta l’assistenza domiciliare finanziata da Roma Capitale. Lo stesso avverrà per chi frequenta un Centro diurno. Le verifiche da parte del Dipartimento Politiche sociali e dei Municipi sono in corso. Obiettivo è rispettare un principio di equità: erogare il servizio a chi non dispone di alcun sostegno oppure usufruisce di una sola di queste misure.”

Condividi su:
By