Radiografia del bacino a casa tua. Quando effettuarlo?

Radiografia del bacino a casa tua. Quando effettuarlo?

Condividi su:

L'esame della radiografia del bacino a casa tua, quando effettuarlo?

radiografia del bacino a casa

L’indagine del Bacino in radiologia, e soprattutto la radiografia del bacino a casa, può essere eseguito per diverse ragioni e condizioni che portano ad avere necessità di questo esame radiografico: l’impossibilità a muoversi, la difficoltà di dover lasciare la propria abitazione, l’età del paziente, i lunghi tempi di attesa al pronto soccorso.. e chi più ne ha, più ne metta.

Processi degenerativi come artrosi, infiammatori come artrite, l’osteoporosi, sospette fratture da trauma, coxalgia e/o coxartrosi, conflitto femoro-acetabolare, per valutare una pregressa frattura o un semplice controllo post operatorio, per esempio, della protesi dell’anca, sono le principali indicazioni prescritte dal medico per fare la RX del bacino

Caratteristiche fondamentali per fare l’esame

Condizioni essenziali per la riuscita dell’esame di radiografia del bacino a casa è l’approccio con il paziente e il familiare: noi del Centro Medico Arcidiacono  ci immedesimo al massimo nelle condizioni del paziente malato, nel suo dolore, nella sua preoccupazione e disagio; nelle ansie dei figli e parenti che vorrebbero vedere guarito o sollevato il loro genitore/figlio/parente.

L’esame del bacino

La radiografia del bacino si esegue principalmente in due proiezioni: una in antero-posteriore e, quando necessario, si completa l’esame con un’altra proiezione assiale per valutare la corretta mobilità della regione coxo-femorale, ovvero dell’articolazione in se, più conosciuta come la proiezione per le anche.

Utilizzando raggi X, questo esame è controindicato durante tutto il periodo di gravidanza. Invece per i portatori di PaceMaker, l’esame può essere eseguito senza alcun rischio poichè esso non interferisce in alcun modo con il suo funzionamento.

Questo esame non richiede nessun tipo di preparazione ma, come in tutte le radiografie, devono essere tolti tutti gli oggetti metallici che possono ostruire la corretta visualizzazione del distretto anatomico in esame: pantaloni con zip, eventuali busti della colonna. Tutto ciò non provoca dolore né alcun tipo di disagio al paziente come d’altronde tutte le radiografie in generale poiche non sono esami invasivi.

La quantità di radiazione utilizzata per questo tipo di esame deve essere la piu ragionevolmente bassa per ottenere la migliore qualità visiva e diagnostica cercando di evitare ogni tipo di movimento involontario dovuto alla respirazione.

radiografia del bacino a casa antero posteriore

radiografia del bacino in proiezione antero-posteriore

radiografia del bacino in proiezione assiale

Posizionamento del paziente

la radiografia del bacino è eseguita in decubito supino. La proiezione frontale, o “AP”, prevede il posizionamento di una cassetta radiografica dietro la parte da radiografare, la pelvi, che sarà impressionata dal passaggio dei raggi X. La seconda radiografia, quella per le anche, il paziente sempre in decubito supino deve flettere le gambe appoggiando le piante dei piedi e distanziando le ginocchia. Inoltre può essere richiesto al paziente di assumere una diversa posizione da quelle elencate secondo le necessità diagnostiche dedotte da una piccola anamnesi eseguita in sede prima di acquisire le immagini.

Fondamentale è l’immobilità del paziente solo per qualche secondo per evitare una degradazione dell’immagine radiografica dovuta a una possibile movimentazione del paziente

Benefici della radiografia del bacino e delle anche

Fare una radiografia al bacino è molto importante per arrivare ad una diagnosi corretta, rapida, indolore e precisa della presunta o/e probabile patologia del nostro paziente: si riescono a valutare patologie principalmente di natura osteoarticolari ma anche di controllo o in vista di un intervento chirurgico (ad esempio per un impianto protesico) e per controllarne il corretto posizionamento ed infine utile anche per evidenziare la condizione cartilaginea della articolazione in se. Molto utile nelle persone che dovranno essere sottoposte ad interventi chirurgici di ogni tipo o persone con difficoltà a muoversi, infortunate o non deambulanti.

DISCLAIMER: Le informazioni su questo articolo non sostituiscono il parere del medico

Dott.ssa Antonella Senatore
Dott. Gabriel Cuartero
Dott. Guidone Dell’Orefice

Radiografia del bacino
Radiografia del bacino a casa 
Medicina a domicilio

Condividi su: