Linee Guida, Normative ed Etica della Radiologia Domiciliare

radiologia domiciliare


Il servizio di “Radiologia domiciliare” si prefigge l’obiettivo di eseguire radiografie al domicilio del paziente mediante l’utilizzo di attrezzature radiologiche ed informatiche portatili.
L’attività consiste quindi nell’eseguire presso il domicilio del paziente radiografie del torace, degli arti e delle articolazioni a pazienti difficilmente trasportabili in strutture ospedaliere o ambulatoriali.

Con il trasporto presso tali strutture infatti, si sottoporrebbe l’assistito a grossi disagi e a rischi di alterazioni psicofisiche, oltre al relativo aumento di costi dovuti agli spostamenti con mezzi idonei.
In questa categoria rientrano in particolar modo i pazienti fragili, quali ad esempio:

  • Anziani
  • Oncologici
  • Disabili
  • Grandi obesi
  • Malati con gravi alterazioni psichiche

Controlli di qualità

Per ciò che riguarda gli aspetti inerenti la sicurezza, in termini di radioprotezione sia per il paziente, del caregiver che per gli operatori, è stata svolta una oculata analisi da parte della Fisica Sanitaria. Analisi da cui è emerso che la percentuale di rischio di esposizione è molto contenuta. Le nostre apparecchiature sono sottoposte a sistematici controlli e verifiche da parte dell'Esperto Qualificato incaricato della Sorveglianza Fisica della Radioprotezione.
L'esperto Qualificato rilascia il relativo benestare all'uso dell'apparecchiatura, indicando le norme di sicurezza e le giuste procedure che garantiscono un'alta qualità dell'indagine Diagnostica.

La diagnostica domiciliare risulta quindi una valida alternativa al servizio ospedaliero, a patto che le tecnologie utilizzate siano in grado di mantenere adeguati livelli qualitativi e di sicurezza.

Il Servizio di Radiologia Domiciliare

lastre a domicilio

A chi è rivolto e quando

Il servizio di Radiologia domiciliare è pensato per offrire assistenza a pazienti con dimissione a domicilio, assistiti in Cure Domiciliari (ADI Assistenza Domiciliare Integrata, ADP Assistenza Domiciliare Programmata, SID Servizio Infermieristico Domiciliare) o ospiti in residenze sanitarie per anziani dalle (RSA), su Roma e provincia.

Come funziona

La richiesta di prestazione di radiologia domiciliare è a carico del Medico di Medicina Generale (MMG). Il radiologo di riferimento verifica l’appropriatezza della prestazione e l’esecuzione dell’esame. Un tecnico sanitario di Radiologia Medica (TSRM), appositamente formato, effettua l’esame radiologico a domicilio con il supporto di un operatore tecnico per gli aspetti logistici. Le apparecchiature, utilizzate nel servizio, permettono di mostrare al medico radiologo le radiografie prodotte al domicilio in tempo reale, con refertazione immediata.

Vantaggi della radiologia domiciliare

I vantaggi sono riconducibili a fattori di tipo sociale, economico e relazionale. L’aspetto umano è il centro del servizio, in quanto, con l’assistenza diagnostica domiciliare, l’assistito visitato presso il proprio domicilio trae maggiore beneficio, visto l’ambiente familiare in cui si trova, favorendo quindi il processo di diagnosi e guarigione in generale. Anche l’aspetto economico è importante, valutando l’abbattimento dei costi relativi al trasporto del paziente con patologie o problematiche di spostamento importanti.

Radioprotezione

radiografie a domicilio con DPI

DPI per la RADIOPROTEZIONE (scopri di più)

Altro elemento da tenere in particolare attenzione è quello relativo all’esposizione ai raggi ionizzanti (RX). Con l’utilizzo di idonei indumenti di protezione individuale, concepiti per la sicurezza e la radioprotezione, il nostro servizio di radiologia domiciliare può essere svolta in tutta sicurezza.

Ulteriore fattore è rappresentato dall’apparecchiatura tecnica messa a disposizione dal nostro servizio, progettato per emettere un basso quantitativo di raggi.

La scelta del macchinario è stata valutata infatti sul principio di calcolo della dose ricevuta dagli assistiti, operatori e delle eventuali persone presenti al domicilio.

  DOSE RILEVATA LIMITE/LIVELLO
Lavoratori < 100 µSv/anno 20 mSv/anno
Popolazione < 1 µSv/esame 1 mSv/anno
Persone che assistono 10 µSv/esame 3 mSv/esame

 

Normative per la Radiologia Domiciliare

 

Anche nel campo delle radiografie a domicilio, la legislatura italiana ha espresso delle precise linee guida di condotta, qui di seguito riportate.

Decreto Legislativo 26 maggio 2000, n. 187

Art. 3. Principio di giustificazione

1. È vietata l'esposizione non giustificata.

2. Le esposizioni mediche di cui all’articolo 1, comma 2, devono mostrare di essere sufficientemente efficaci mediante la valutazione dei potenziali vantaggi diagnostici o terapeutici complessivi da esse prodotti, inclusi i benefici diretti per la salute della persona e della collettività, rispetto al danno alla persona che l'esposizione potrebbe causare, tenendo conto dell'efficacia, dei vantaggi e dei rischi di tecniche alternative disponibili, che si propongono lo stesso obiettivo, ma che non comportano un'esposizione, ovvero comportano una minore esposizione alle radiazioni ionizzanti. In particolare: a) tutti i nuovi tipi di pratiche che comportano esposizioni mediche devono essere giustificate preliminarmente prima di essere generalmente adottate; b) i tipi di pratiche esistenti che comportano esposizioni mediche possono essere riveduti ogni qualvolta vengano acquisite prove nuove e rilevanti circa la loro efficacia o le loro conseguenze; c) il processo di giustificazione preliminare e di revisione delle pratiche deve svolgersi nell'ambito dell'attività professionale specialistica tenendo conto dei risultati della ricerca scientifica.

4. Tutte le esposizioni mediche individuali devono essere giustificate preliminarmente, tenendo conto degli obiettivi specifici dell'esposizione e delle caratteristiche della persona interessata. Se un tipo di pratica che comporta un'esposizione medica non è giustificata in generale, può essere giustificata invece per il singolo individuo in circostanze da valutare caso per caso.

5. Il prescrivente e lo specialista, per evitare esposizioni non necessarie, si avvalgono delle informazioni acquisite o si assicurano di non essere in grado di procurarsi precedenti informazioni diagnostiche o documentazione medica pertinenti alla prevista esposizione.

Art. 4 Principio di ottimizzazione

1. Tutte le dosi dovute a esposizioni mediche per scopi radiologici di cui all’articolo 1, comma 2, ad eccezione delle procedure radioterapeutiche, devono essere mantenute al livello più basso ragionevolmente ottenibile e compatibile con il raggiungimento dell'informazione diagnostica richiesta, tenendo conto di fattori economici e sociali; il principio di ottimizzazione riguarda la scelta delle attrezzature, la produzione adeguata di un’ informazione diagnostica appropriata o del risultato terapeutico, la delega degli aspetti pratici, nonché i programmi per la garanzia di qualità, inclusi il controllo della qualità, l'esame e la valutazione delle dosi o delle attività somministrate al paziente.

3. Ai fini dell'ottimizzazione dell'esecuzione degli esami radiodiagnostici si deve tenere conto dei livelli diagnostici di riferimento (LDR) secondo le linee guida indicate nell’allegato II.

Radiografie a Domicilio di Medicina a Domicilio

MEDICINA A DOMICILIO, con il suo servizio di Radiologia Domiciliare garantisce tutti gli standard legali, tecnologici ed etici utili ad offrire un servizio domiciliari di elevata qualità, frutto di più di 30 anni di esperienza nel campo tecnico e sanitario.

La nostra Medicina a Domicilio lavora in equipe, composta da : Medici, Tecnici, Infermieri, Ingegneri ed Esperti di Radioprotezione; insieme per un unico scopo, la QUALITÀ DEL SERVIZIO nel rispetto del PAZIENTE.

Prenota la tua Radiografia a domicilio al numero: 347 065 4149 o inviaci un’email a: info@medicinaadomicilio.it